L’inventario

 

L1110219

C’è un altipiano di una struggente bellezza, il cui vuoto trafigge e che non riesci a toccare. C’è uno spazio di una desolazione sconfinata, il cui terrore ti toglie il fiato. C’è un albero di un’impossibile altezza, la cui vertigine ti capovolge. C’è una parola di un’inverosimile indolenza, il cui ultimo suono non potrai mai ascoltare. C’è una trappola di un’insormontabile dolcezza, la cui rabbia non hai mai sfiorato.

C’è una storia di mille narranti, il cui inizio finisce in un tempo dimenticato. C’è una rara meraviglia, la cui superficie brucia quando la vuoi guardare. C’è un’aria pesta, la cui prigione ti rinchiude buttando la chiave.

Ci sono manie e facili consigli. Ci sono stormi di pensieri e cavalli al vento. Ci sono una vecchia signora, un calendario e uno spillo. Un miracolo, un tagliere, un coniglio. Un orologio, una strada, un cespuglio. C’è un bambino di un’infinita gioia, la cui lacrima è un fiume in cui non sai nuotare. C’è un fucile, c’è un sasso e una foglia; una matita, un balzo, una fionda. Ci sono giorni di un’invidiabile noia; c’è un fosso, un bagaglio e c’è pure un aggeggio. Ci sono marchi, note e bagliori. Una ruota, un canneto, c’è un ripostiglio. Una penna, un cappello e una bilia. C’è un cane che abbaia, una linea, un canestro. E uno scrigno che non ha ancora trovato il suo posto. 

commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: